-->
HOME PAGE | CHI SONO | AUDIOCORSO | CONSULENZE | CONTATTI | PRIVACY e CONDIZIONI D'USO

VUOI CONQUISTARE UNA DONNA?
ALLORA BASTA STRONZATE SULLA SEDUZIONE.

Ciao, benvenuto, etc, vengo al dunque: questo è su un sito sulla seduzione ben differente da tutti gli altri; il perché lo capirai facilmente se segui i miei 2 consigli...
 
1° CONSIGLIO: Scorri in basso e leggi tutti gli articoli del blog, dove NON troverai patetici trucchetti di flirting e pseudo-motivazione scopiazzati dai siti americani, ma concetti chiave per avere successo con le donne iniziando a cambiare il tuo atteggiamento e le tue azioni non domani, ma da adesso.

2° CONSIGLIO: Sarica l'Audioguida "Cosa devi sapere se vuoi fidanzarti" compilando il modulo che vedi qui a destra; mettendola in pratica e seguendo la newsletter ComeSedurre, presto ti accorgerai di aver raggiunto facilmente i seguenti risultati:

  Avrai iniziato a "cambiare pelle" per una trasformazione in "seduttore naturale"
     
  Avrai spostato la tua attenzione dalla fantasia alla realtà, unico luogo in cui devi agire se vuoi avere successo;
     
  Scoprirai che è normale trovarsi nella situazione in cui "più sei te stesso, più hai successo con le donne".

Quanto costa quest'audio-guida? Nulla. È gratis!

Approfittane subito: compila il form qui sotto e riceverai il link per scaricare l'Mp3 "Cosa devi sapere se vuoi fidanzarti" e la newsletter ComeSedurre con preziosi consigli. Inserisci la tua email, premi il pulsante di invio E BUON ASCOLTO!
 


BLOG



Belle donne come bei posti di vacanza

Sedurre una ragazza che ti ha folgorato
Questo è l'ennesimo articolo dedicato all'uomo che si fa folgorare dalla bellezza e dal fascino e da tutto quello che ti pare di una donna e inizia a pensare che sarebbe perfetta per lui. Ah! Se solo potesse.

Poi magari accade il miracolo, l'insperato... lei ci sta, e riesce pure a strapparti dalla tua fidanzata o addirittura moglie, e ti sembra di essere l'uomo più fortunato del mondo... Per poi accorgerti, qualche settimana dopo, che hai desiderato con troppa fretta e hai deciso con troppa poca intelligenza: no, non era la donna adatta a te. Te ne sei potuto accorgere solo dopo che il dosaggio di ormoni ha subito una brusca variazione in seguito ai giochini fatti in camera da letto, e cioè quando il tuo cervello è stato libero di vedere un po' più in là e capire che esistono anche altri aspetti della vita di coppia.

Fermo restando che una donna bella bella non necessariamente ti garantisce scopate belle belle (è molto probabile che accada, ma non è scontato, ed è ancora meno probabile che siano migliori di una donna che conosci bene), capisco che l'occhio vuole la sua parte... esattamente come quando ammiri un bel paesaggio. Bellissimo! Che bello sarebbe vivere qui, pensi tu e tutti i turisti che passano di lì.

Ma visto che i paesaggi, pur suscitando fascino, non stimolano gli ormoni più di tanto, in questo caso non ti butti a pesce, non vai in crisi, non decidi di trasferirti in quel luogo il giorno dopo. Perché capisci che prima occorre sapere se lì potrai lavorare, qual è il tasso di delinquenza, qual è il tasso di tasse, se è freddo e viene la tosse, etc.

Mi pare una buona similitudine, che spero possa ispirarti nel tuo equilibrio emozionale, che tu sia single o impegnato. Una bella donna è come un bel posto di vacanza. Desiderabile per l'immaginazione, ma non necessariamente desiderabile nella tua realtà.

No, non dev'essere una scusa da raccontarti ogni volta che non hai il coraggio di approcciare una bella donna. Anzi. Ti sto dicendo che una donna va NON SOLO osservata, NON SOLO approcciata, NON SOLO desiderata, ma anche conosciuta, prima di dire "Se avessi un solo desiderio da esprimere, vorrei che lei s'innamorasse di me".

Del resto, se non ti basta l'esempio del posto di vacanza... prendi esempio da lei. È forse così affrettata nel saltarti addosso come tu faresti con lei? No. Allora perché dovresti esserlo tu?

Se ancora non riesci ad avere l'atteggiamento ideale per la seduzione, che come ho detto e dirò è la maturità emozionale, ti consiglio di acquistare l'audiocorso Psicoperformance della Seduzione.

Se invece sei nuovo in questo blog e preferisci iniziare con delle lezioni gratuite, iscriviti alla newsletter Comesedurre: riceverai il link per l'Mp3 "Cosa devi sapere se vuoi fidanzarti" nel primo messaggio automaticamente, e a seguire vari preziosi consigli. Inserisci la tua email nello spazio qui sotto e clicca su "Accedi".

Essere spornosessuale: pessima strategia per sedurre una donna

Nota: se vuoi conoscere la differenza coi metrosessuali, puoi leggere questo articolo di Beppe De Leonardis.

Riassumendo-riassumendo, gli spornosessuali sono quegli uomini che ripiegano sulla ricerca della maggiore bellezza possibile e lo fanno, secondo questo articolo dell'Huffington Post, come reazione a una non realizzazione dal punto di vista economico e sociale (pare che il fenomeno sia aumentato proprio in corrispondenza della famosa crisi economica iniziata verso il 2008).

Troppo difficile giocare a scacchi? Gioco a dama.
Troppo difficile conquistare quella donna? Conquisterò quell'altra, che è un po' meno bella, e quindi verosimilmente più disponibile.
Troppo costoso giocare a golf? Giochiamo a minigolf.
Troppo difficile sfondare nel mondo dello spettacolo? Farò il piano-barista, l'attore in film low-budget destinati a YouTube e a qualche festival di nicchia, lo YouTuber.
Troppo difficile essere un buon lottatore? Cercherò di picchiare gli utenti sul web da bravo leone da tastiera.

Fra gli esempi di rinuncia-sostituzione che ho fatto qui sopra ne ho messi alcuni del tutto accettabili e alcuni degradanti, e non sto a spiegarti quali appartengono a una categoria e quali a un'altra perché immagino tu lo possa capire facilmente da solo.

Rinunciare e trovare qualcos'altro può essere il risultato di un bilancio fra i tuoi valori e le tue risorse disponibili. E può andare bene... a patto che tu sia sincero con te stesso e capisca veramente ciò che stai decidendo di fare.

Insomma, va bene nella versione di Martin Luther King:
"Se non puoi essere un albero, sii un cespuglio. Se non puoi essere una via maestra, sii un sentiero", etc

...mentre NON va bene nella versione della famosa barzelletta in cui...
"Le chiavi le ho perse in quella zona là, ma le cerco qui perché qui c'è più luce".

Concludendo, ti invito a non perdere di vista la vita che vuoi veramente, e a non farti acciecare da obiettivi sostitutivi come sono l'eccesso di cibo, l'uso di alcol e droga, il chiudersi in casa a giocare a videogiochi, o diventare uno spornosessuale.

Seguire questo consiglio richiede coerenza, coraggio e dire a sé stessi cosa non va e cosa quindi va cambiato per vivere una vita che sia veramente la tua e non il suo surrogato.
Altrimenti anziché essere sempre di più la persona che davvero vuoi essere, e anziché avvicinarti alle esperienze che vuoi, comprese quelle relative ai rapporti con le donne, te ne allontanerai. Un po' come allenarsi ogni giorno a disegnare banconote anziché cercare di conseguire un reddito. A un certo punto riceverai tanti complimenti per come sei bravo a disegnare, ma questo probabilmente non ti darà da mangiare, a meno che tu non diventi un disegnatore famoso e ricercato.

...Vale a dire: curi i tuoi muscoli, la tua barba, il tuo vestiario etc per diventare un modello famoso e per quella via avere una fidanzata facilmente? Se è quello l'intento, fai pure (veramente io te lo sconsiglio comunque per altri motivi, ma va beh). Diversamente, sappi che stai percorrendo una strada parallela rispetto alla realizzazione personale. Parallela significa che è magari vicinissima, ma che con la realizzazione personale non si incontra mai, esattamente come non riuscirai mai a pagare il tuo fruttivendolo con una banconota disegnata da te, per quanto tu possa essere bravo a disegnare. Già lo sai. Infatti non ci provi neanche.

È il momento di capire davvero cosa vuoi, e di decidere di diventare un uomo che seduce una donna per quello che ha dentro e che sempre avrà, non per una bellezza che con una relazione ha a che fare solo in minima parte. Se questa minima parte attribuisci un valore pari al 100%, significa che non stai capendo nulla. E sei destinato ad avere FORSE qualche relazione superficiale e insoddisfacente.
E le persone normali le invidierai. Non capirai perché, pur essendo normali, hanno una vita di coppia felice e senza sforzo. Credevi che col tuo inutile duro lavoro loro avrebbero invidiato te, e invece di te ridono. E, non offendertene se te lo dico: hanno ragione. Non offendertene, perché non sono qui per deriderti, ma per offrirti una possibilità di avere ciò che le donne veramente amano: la maturità emozionale e relazionale. Poi potrai farti tutti i muscoli e le barbe scolpite che vorrai. Saranno un di più. La base è quella che io chiamo Psicoperformance.

Recupera questa base, allora.

Per recuperarla velocemente, questa base - che base che di sicuro avevi da bambino ed hai purtroppo oscurato grazie a tonnellate di maledetti retaggi sociali - ho creato Psicoperformance della Seduzione, un audiocorso che farà fare un salto di qualità non di carta pesta, ma finalmente VERO, alle tue possibilità di conquistare una donna.


Se invece sei nuovo di questo blog e vuoi qualcosa di gratuito, iscriviti alla newsletter ComeSedurre. Il primo messaggio che riceverai conterrà il link per scaricare l'audioguida gratuita "Cosa devi sapere se vuoi fidanzarti". Inserisci la tua email qui sotto, clicca su "Accedi" e buona trasformazione e buon ingresso nel mondo delle donne.

Vuoi conquistare una donna? Non ascoltare Oscar Wilde né i leghisti

Come approcciare una donna: fatti delle domande!
Mesi fa ho letto un bell'articolo sul sito italiano dell'Huffington Post: "Perché le donne lasciano gli uomini di cui sono innamorate. Quello che ogni uomo dovrebbe sapere"

E visto che l'autore Justice Schanfarber ha già risposto sapientemente a quella domanda, io ti invito a provare a rispondere a quella opposta:

"Perché le donne si sono innamorate di questi uomini che lasciano?"

Volendo essere ancora più cattivi si potrebbe citare un articolo di Uriel Fanelli (ex-blogger, e i cui articoli sono raccolti da un suo ammiratore in un proprio blog): "La giornata dello sfigato".

Leggere questi articoli per la verità non ti darà grandi nozioni utili a sedurre una donna, tranne una abbastanza generica, ma allo stesso tempo importantissima: non dare retta a Shakespeare, che disse "Le donne vanno amate, non capite".

È una frase che mi ricorda il discorso di un deputato leghista, che molti anni fa disse:

"Il problema della violenza negli stadi non va capito. Va risolto".

(sì, oggi sono in vena di link e citazioni, e spazio davvero in lungo e in largo)

Beh, fanno presa frasi ad effetto del genere, sia per gli amanti della poesia sia per gli odiatori del casino domenicale (nonché dell'intelligenza).

Solo che il beneficio si ferma lì quando dici la battuta all'amico o alla tua audience di potenziali elettori. Una bella figura di fronte alle persone che già ti apprezzano, e nessun vantaggio nei confronti della persona che potrebbe entrare nel tuo mondo, e che non ci entrerà mai se ti comporti da poeta romantico senza se e senza ma oppure da politico aizzatore.

Ti devi rilassare, osservare la donna che ti piace e aspettare di capirla meglio. Capire cosa davvero c'è dietro alle sue scelte, ai suoi valori, ai suoi gusti. Lo farai parlandole (non direttamente dicendo "Cosa c'è davvero dietro alle tue scelte..."), immaginando le sue paure, immaginando perché le dà fastidio quella o quell'altra cosa, immaginando il dolore che ha provato e che ha fatto nascere certe reazioni, e immaginando quali sono le emozioni che cerca, che corrispondono esattamente a tutto quello che le dà fastidio con un meno davanti.

Nascerà così la risposta alla domanda che ho formulato sopra, che in altre parole è:

Cosa le piace così tanto da farla innamorare di un uomo nonostante i vari scogli (difetti del partner, poco tempo che lui le dedica, etc)?

Le donne vanno capite. Afferma il contrario chi semplicemente non le sa capire o non ha voglia di farlo.

E vanno capiti anche i suoi valori in conflitto, che scazzottandosi nella sua testa fanno più rumore delle trombette spacca-timpani degli ultrà e le danno più rabbia di cassonetti rovesciati e vetrine rotte... anche quella va capita, e a quella va trovata una soluzione con un suo perché e non forzando come farebbe la polizia a manganellate. Perché in quell'ambito evidentemente lei ha preso manganellate fin ora, e non sono servite.
Una donna cerca un uomo che la cambi con dolcezza.

Se tu non rappresenti un cambiamento per lei, non si innamorerà di te. E parimenti niente otterrai se offrirai una soluzione valida, ma tentando di ficcargliela in testa come si pianta un chiodo.

Devi cambiarla con dolcezza.

Solo DOPO potrete ridere insieme di quello che lei prima era e di quello che faceva.

Forse credi che tutto questo richieda un grande sangue freddo e il non lasciarsi coinvolgere sentimentalmente dall'attrazione che lei esercita su di te; forse credi che richieda grandi conoscenze di psicologia e una allenata abilità nel cogliere le finezze della sua comunicazione involontaria attraverso l'osservazione del suo non verbale e dei suoi micromovimenti.
No. Ti hanno raccontato solo stronzate.
Serve solo (tutto il resto magari ci sta anche, ma è contorno) un buon equilibrio interiore che ti porta in maniera naturale ad essere te stesso e ad essere sereno e curioso in modo sano di incontrare la persona che hai davanti. Quando hai questa non-arma, assieme alla spazzatura interiore che svuoterai dal tuo cervello, potrai ottenere lo stesso effetto nella mente di quella ragazza che ti piace tanto, e farla sentire nuova come per magia. È esattamente a questo scopo che ho creato l'audiocorso Psicoperformance della Seduzione. --> Vai a questa pagina per vedere di che si tratta e per acquistarlo.

Se invece sei nuovo di questo blog e vuoi iniziare da un audio gratuito, iscriviti alla newsletter ComeSedurre. Il primo messaggio automatico che riceverai conterrà il link per scaricare l'audio-guida gratuita "Cosa devi sapere se vuoi fidanzarti". Inserisci la tua email nel form qui sotto e clicca su "Accedi".